Perché “Il Sassolino Bianco”?

Un testo biblico, una fiaba, la prassi elettorale della civiltà romana: ecco le fonti di ispirazione che hanno portato al nome di Sassolino Bianco.

Il testo biblico è Apocalisse 2:12-17, in cui si invita la comunità cristiana di Pergamo a resistere alle tentazioni della città e alle suggestioni pagane. Coloro che resisteranno avranno “un nome nuovo scritto su una pietruzza bianca” (in alcune traduzioni: “sassolino bianco”). Avere un “nome nuovo” implica, in questo caso, anche una nuova visione della realtà, una diversa percezione del rapporto con il prossimo e la piena disponibilità all’impegno personale: caratteristiche proprie del lavoro di volontariato al quale cerchiamo di essere fedeli.

La fiaba è quella di Pollicino: smarrito nel bosco, ritrova la strada grazie ai sassolini bianchi. Pietruzze apparentemente insignificanti ma che, se opportunamente utilizzate, si rivelano di grande utilità. Così, per noi ogni socio è paragonabile ad un sassolino che è allo stesso tempo realtà modesta ma, ugualmente, utile e preziosa.

I Romani esprimevano il loro voto attraverso sassolini bianchi e neri, usati rispettivamente per approvazione e disapprovazione. Il voto è una scelta, il colore la caratterizza. Il nome della nostra associazione esprime la scelta individuale e collettiva per un impegno lavorativo a favore dell’infanzia, in spirito di solidarietà e servizio.